Covid, primo giorno in zona rossa per la Toscana

15 nov 2020

A me dà fastidio questa situazione che non c'è nessuno per strada, essendo una Fiorentina a vedere sempre turisti e tutto il resto, vedere così vuote è bruttissimo. In pochi per strada e serrande abbassate nel centro di Firenze, primo giorno in fascia rossa per la Toscana. É lui che fa uscire noi, ci porta in giro. Il silenzio in piazza della Signoria, svuotata dei suoi turisti, è rotto soltanto dalla Campana di Palazzo vecchio. Si esce di casa solo per necessità inderogabili e restano aperte le attività considerate indispensabili, tra queste la vendita della biancheria personale, dei libri o dei giocattoli, solo asporto o domicilio per bar, gastronomie e ristoranti. Zona arancione bene o male un po' di passaggio c'era, invece adesso essendo il primo giorno non vedo veramente nessuno. Il cambio di colore ce lo aspettavamo per come stavano andando però non ci si aspettava questo deserto alla fine. Ermal ha scelto invece di non lavorare, insieme ai suoi due fratelli l'anno scorso ha investito tutti i risparmi di famiglia in questa trattoria, a due passi da piazza Santa Croce. Non ha senso, perché non ci rientri nemmeno con le spese, poi noi facciamo cibo tipico toscano, la gente non si asporta a casa una bistecca alla Fiorentina. Chiediamo un aiuto al Governo che ci dia una mano di bloccare gli affitti magari, o di bloccare anche le cambiali, perché così non ci si fa davvero. In Toscana le restrizioni cesseranno per il periodo delle festività natalizie, la previsione del Presidente della regione. Le norme del Dpcm impongono 14 giorni stabilmente sotto la soglia, quindi in questo meccanismo è facile scendere alle situazioni più restrittive, è piuttosto difficile risalire. Io confiderei che a metà dicembre, quindi, per i 10 giorni prima di Natale si possa risalire.

pubblicità