Covid, una giornata sul campo con i medici delle Usca

02 dic 2020

USCA di Belgioioso, buongiorno. La giornata per le USCA, unità speciali di continuità assistenziale di Belgioioso alle porte di Pavia, inizia presto. Prima tappa a Villa delle rose, una residenza per anziani, 5 tamponi di controllo, operazione veloce, quello che richiede più tempo è farlo in sicurezza. Questa fase è una fase abbastanza delicata, la fase della vestizione e della svestizione è una delle fasi, appunto, molto, molto delicata, orientativamente ci vogliono tra i 5 e i 6 minuti per una buona procedura. Prossima tappa il vicino comune di Marzano, noi rimaniamo fuori, ma chiediamo ai medici di riprendere le procedure che eseguono quotidianamente. Visita generale, misurazione della saturazione e poi l'ecografia polmonare. L'ecografia polmonare a domicilio ci serve soprattutto per capire se il paziente ha avuto delle lesioni polmonari e se presenta le linee B che sono quelle che noi cerchiamo. Anziani, case famiglia, carcere, Rsa, le USCA arrivano ovunque. Qui sono in cinque, hanno tutti un età compresa tra 25 e 35 anni, 10-15 interventi al giorno, dalla mattina alla sera, a segnalare dove intervenire sono i medici di base o l'Ats. Le USCA hanno rappresentato lo strumento più importante in questa pandemia sul territorio perché ci hanno consentito di curare le persone al loro domicilio, di dare loro la possibilità di essere rassicurati rispetto a un problema che rappresenta anche una grossa paura, un grosso timore e allo stesso tempo hanno consentito di evitare accessi impropri al pronto soccorso dove magari uno poteva attendere per ore e poi magari venire dimesso.

pubblicità