Covid, imprenditore a Sky TG24: denunciate usurai

21 apr 2021

"Gli usurai sono i tuoi migliori amici o almeno te lo fanno credere. Sono i tuoi benefattori, sono quelli che ti danno quando tutti ti dicono di no. Ti dicono costa tanto però noi te li diamo". Incontriamo Stefano, imprenditore che si occupa di edilizia, titolare di una ditta in provincia di Reggio Emilia. Inizia ad avere difficoltà economiche nel 2018 ma è nei primi mesi della pandemia che la sua situazione lavorativa precipita. "Dopo due o tre mesi, dunque marzo, aprile, maggio del 2020 di apnea diciamo, il rischio soffocamento era molto alto. C'era solo.. non trovando quest'ossigeno dal credito legale, c'era solo una possibilità: reperirlo dal credito illegale cioè dal mercato in nero". "Come è avvenuto il contatto con questo mercato nero?", "Ti contattano loro. Ti contattano loro cioè hanno delle persone che girano nei cantieri, sono magari muratori, idraulici, elettricisti. Stretto dalla necessità ho fatto.. ho mandato un messaggio proprio. Gli ho detto quello che dovevo dire. Ho bisogno di €3.000 subito e io alla sera avevo i €3.000", "Che interessi le chiedevano?", "Mediamente il 250%, praticamente, esempio ti danno €1.000, alla fine del mese sono €1.200", "E lei è riuscito a restituire tutto?", "Sì, io ho restituito tutto". "Quanti prestiti ha chiesto a queste persone?", "Parecchi, soprattutto in periodo di Covid, in periodo di Covid anche €7.000 insieme, diverse somme di denaro. Sempre restituite però in quel momento era veramente difficile perché tu ti trovavi che le aziende che ti dovevano pagare erano chiuse, cioè non rispondevano neanche al telefono, magari.. cioè siamo stati due mesi totalmente chiusi. Però le persone devono mangiare!", "Lei è stato minacciato?", "Io sono stato minacciato più volte anche se spesso non direttamente. Cioè cosa utilizzano loro? I soldi te li hanno dati loro. Stai attento che loro vengono poi davanti a scuola quando escono i tuoi figli. Stai attento che l'altro giorno hanno accoltellato un papà davanti a suo figlio. Quando tu denunci non colpisci la Piovra, ne tagli un tentacolo. Per questo probabilmente i Pubblici Ministeri quando fai una denuncia hanno tempi così lunghi per arrivare a un rinvio a giudizio, perché cercano di colpire la Piovra". "Vuole lanciare un appello a tutti quegli imprenditori invece che non hanno il coraggio di denunciare?", "Quello che dico io è denunciamo, denunciate, trovate il coraggio. Quando tu denunci fai nome e cognomi non si attentano più a farti niente, telefonarti, perché la Legge ti protegge. Lo Stato da quel punto di vista lì c'è. C'è".

pubblicità
pubblicità