Crisanti a Sky TG24: zone rosse contro varianti

10 feb 2021

Io penso che il risultato di queste zone rosse sia un compromesso tra mantenere attività economiche e un certo livello di qualità della vita e allo stesso tempo accettarne il prezzo, cioè non riuscire ad abbattere completamente i contagi e mantenere purtroppo un numero di morti giornaliero elevato. Quindi siamo su questa linea d'equilibrio. Quindi se l'obiettivo è questo penso che ci stiamo riuscendo. Tenendo presente che l'emergere di varianti con elevata trasmissibilità, potenzialmente resistenti al vaccino, chiaramente mettono in pericolo questo scenario, perché a quel punto bisogna intervenire più rapidamente possibile, anche in modo chirurgico, nel senso che se si vuole bloccare la diffusione di varianti o resistenti al vaccino o a elevata trasmissibilità bisogna veramente fare delle zone rosse tipo Codogno.

pubblicità
pubblicità