Cucchi ter: depistaggi, richieste di condanna del pm

23 dic 2021

Per 2 degli 8 imputati la Procura chiede una condanna a 5 anni: Luca De Cianni e il maggiore Luciano Soligo, ex comandante della Compagnia Talenti Montesacro, 5 anni e 6 mesi per Francesco Cavallo, all'epoca dei fatti capufficio del Comando del Gruppo Carabinieri Roma, in servizio la notte dell'arresto di Stefano Cucchi, 3 anni e 3 mesi per Francesco Di Sano, militare della Stazione di Tor Sapienza e 3 anni per l'allora comandante del Gruppo di Roma general Alessandro Casarsa. Circostanze non vere, verità offuscate, eventi nascosti, un'attività di depistaggio che per la Procura di Roma è durata anni. Portata avanti scientificamente per sviare l'indagine di chi ha cercato di ricostruire cose accadute nell'ottobre del 2009, quando Stefano Cucchi è morto mentre era nelle mani dello Stato. Le richieste di condanna del PM Giovanni Musarò arrivano dopo due anni di processo e migliaia di carte. "È un processo dove obiettivamente si è cercato di quadrare la vicenda ma è una vicenda così vasta che non sono sicuro che sia poi alla fine tutta rientrata nel processo. Non a caso il Pubblico Ministero ha preannunciato che ci saranno altri accertamenti, altre fasi". Fondamentale la testimonianza dell'appuntato Riccardo Casamassima, il primo a raccontare il pestaggio ad opera dei Carabinieri, il 15 ottobre del 2009, la notte dell'arresto. Un altro militare, Pietro Schirone, ha ricordato che Cucchi lamentava anche dolori alla testa. Ora toccherà alla Difesa, con le loro arringhe, poi la sentenza prevista per metà febbraio.

pubblicità
pubblicità
SCOPRI VOICE
SCOPRI VOICESCOPRI VOICE
Attualità, inclusion, sostenibilità, diritti. Raccontiamo il cambiamento, un video alla volta. Scopri Voice, il nuovo progetto editoriale di Sky Tg24
GUARDA ORA