Da smart city a intelligent city, il futuro delle città

26 nov 2020

Smart working, smart mobility, smart City: il nostro futuro sembra tutto smart, ma in realtà il covid ha posto cambiamenti anche da questo punto di vista. Serve l'intelligenza, servono le persone, per far sì che le nostre città si adattino in fretta e bene al cambiamento. Serve andare verso un Intelligent City. Non sono sufficienti dei sensori per rendere intelligente una città. I sistemi di tracciamento di fatto, hanno fallito, hanno dimostrato grandissime difficoltà a stare dietro a una cosa microscopica come il virus e quindi c'è bisogno ripensare alla necessità di costruire competenze e intelligenze anche umane. Il nomadismo professionale sarà il futuro. Diversi stati, per esempio, creano pacchetti di accoglienza per lavoratori, cambiando anche la durata dei visti per ospitarli durante il periodo scelto. Il nomadismo è un iter fondamentale per lo sviluppo delle prossime città e per essere in risposta alle aspettative che si stanno creando. Città e Stati dovranno vincere insieme. Questa nuova ondata da post pandemia, quindi da doppia accelerazione, secondo me, invece, sarà pesante e gli Stati che riusciranno a costruire delle piattaforme per nomadi, secondo me avranno la possibilità di espandere in modo forte, il riccio di un'immigrazione ricca, che spende che è quella che tutti stanno cercando. Cambia il modo di vivere la città, cambiano i trasporti, esempio Città del Messico, con la sua nuovissima funivia, cambiano le direzioni e di conseguenza il cambiamento della mentalità è fondamentale. Il nostro Paese ha una grande opportunità: dare nuove prospettive di rinascita per esempio a borghi e province. Questo può succedere però solo a patto che si sappiano implementare in modo veloce ed efficace le infrastrutture digitali. Lavorare in piccoli Borghi e cittadine, ma anche all'aperto, lontano dalla paura che gli spazi chiusi possono implementare il contagio, con spazi impensati e strutturati ad hoc. Il fatto di poter portare il lavoro all'aperto, apre a possibilità che fino a ieri non c'erano e in generale, per l'evoluzione delle città l'utilizzo e lo sfruttamento dell'outdoor diventerà sempre più importante.

pubblicità