Di Maio: ambasciatore al Cairo utile per verità su Regeni

16 lug 2020

Secondo me è fuorviante credere che avere un nostro ambasciatore al Cairo significhi non perseguire la verità sul caso di Giulio Regeni e, viceversa, penso sia altrettanto fuorviante pensare che il ritiro del nostro ambasciatore sia necessario per raggiungere la verità. Sia ben chiaro, tutto il Governo comprende perfettamente il dolore della famiglia Regeni, un dolore che non è nemmeno immaginabile. La strategia del Governo di tenere l'ambasciatore al Cairo si fonda proprio sull'azione incessante per ottenere la verità su chi purtroppo non c'è più, come Giulio, e su chi, come Patrick Zaki, c'è ancora e va tutelato e difeso i suoi diritti fondamentali, sollecitando anche un maggiore coinvolgimento dei partner europei e internazionali.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.