Due operai morti per fuga di azoto liquido nel milanese

28 set 2021

Ancora morti sul lavoro, le vittime sono due operai di 42 e 46 anni che sono stati ritrovati senza vita all'interno di un deposito di azoto nell'ospedale Humanitas Mirasole a Pieve Emanuele nell'hinterland di Milano. L'incidente è avvenuto nella sede distaccata dell'ospedale Humanitas di Rozzano. Secondo quanto è stato ricostruito i due uomini, uno originario di Brescia e l'altro indiano, si trovavano da soli mentre stavano ricaricando una cisterna di azoto liquido utilizzato nei laboratori dell'università ma anche per alimentare l'impianto antincendio. All'improvviso si è verificata una fuga di azoto che li ha travolti provocandone la perdita di sensi e poi la morte. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco dopo che alcuni dipendenti dell'Humanitas avevano lanciato l'allarme. A nulla purtroppo sono valsi i soccorsi. Le due vittime trovate incoscienti sono state dichiarate decedute dal medico legale. Entrambi gli operai lavoravano per la ditta monzese Sol Group SPA. La Procura di Milano ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo per stabilire cosa abbia potuto provocare l'incidente. Gli inquirenti dovranno ricostruire la dinamica di quanto accaduto, accertare perché ci sia stata quella fuoriuscita di azoto liquido e verificare se siano state applicate o meno le misure di sicurezza.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast