Emergenza covid, verso il nuovo Dpcm

13 ott 2020

Queste sono ancora ipotesi, perché aspettiamo che venga confermato e vengono confermati tutti i contenuti del Dpcm. Partiamo col dire però che si va verso uno stop a feste in locali pubblici e abitazioni private. Per quel che riguarda ad esempio, matrimoni o battesimi, comunioni, la raccomandazione è quella di avere una presenza in contemporanea di massimo sei persone. Altra raccomandazione è quella di organizzare feste a casa sì, ma con moderazione, per un massimo di sei persone. Un'altra novità di queste ore è quella che prevede un possibile incentivo dello smart working che al momento è previsto fino a un 50%, ma potrebbe essere esteso fino al 70%. Altre modifiche riguardano quello di cui stava parlando adesso Luigi, cioè quelle che riguardano i bar e ristoranti. Ebbene, è possibile che ci sia la chiusura anticipata di bar, pub e ristoranti a mezzanotte o all'una. Si parla inoltre di stop alla vendita di bevande da asporto a partire dalle ore 22 e di divieto di assembramento all'esterno dei locali a partire dalle ore 21. Potrebbe cambiare, e questa è la novità delle ultime ore, anche la scuola. Intendo dire che una delle richieste fatte in queste ore è quella di dire stop a gite scolastiche, attività didattiche fuori sede e gemellaggi. Un'altra proposta è quella di ripristinare anche per gli studenti delle scuole superiori le lezioni a distanza. Questa misura andrebbe di pari passo con l'obiettivo di alleggerire la pressione sui trasporti pubblici. Un'altra novità potrebbe riguardare il mondo dello sport, sport a livello amatoriale. Si parla in effetti di stop allo sport di contatto, come ad esempio le partitelle a calcio con gli amici, la partita di basket al playground sotto casa o le partite a pallavolo. Sarebbero però consentiti a livello dilettantistico questi tipi di sport. Questo per le società che già adottano i protocolli anti Covid che abbiamo conosciuto in questi mesi. Ricordiamo, la mascherina va sempre portata all'aperto ed è obbligatoria durante l'attività motoria, quindi per una semplice passeggiata per strada. Non serve in caso di jogging o per andare in bicicletta. Un'altra misura che era stata anticipata da indiscrezioni di queste ore, che poi viene smentita, non cambia nulla per quanto riguarda cinema e teatri all'aperto e anche chiuso. La capienza resta la stessa. Cosa molto importante che cambia, riguarda la quarantena che viene ridotta a 10 giorni. Ad esempio, i positivi asintomatici dovranno passare 10 giorni in isolamento. Poi, dopo un tampone negativo, potranno tornare alla vita di tutti i giorni. I positivi sintomatici, invece, l'iter che dovranno affrontare è 10 giorni di isolamento, 3 giorni consecutivi senza sintomi e poi un tampone negativo. Ultima scheda che vi faccio vedere è quella in caso di positività sintomatica con il tampone però che non si negativizza. In questo caso, dopo 21 giorni si potrà tornare comunque alla vita normale, perché dopo 21 giorni la carica virale Covid è decisamente bassa.

pubblicità