Energia Ue, si decide per l'ok al gas e al nuovo nucleare

27 ott 2021

Dovremo imparare a familiarizzare con termini tecnici come "tassonomia delle fonti energetiche". Per quanto possa sembrare un espressione astrusa è il tema di cui discutono adesso gli Stati europei e che influirà moltissimo sullo sviluppo della nostra economia, sugli investimenti dei prossimi anni e avrà un ruolo fondamentale per capire quanto l'Italia è pronta ad affrontare le difficoltà di un nuovo modo di produrre, attento alle emissioni e al futuro del pianeta. Stiamo parlando del fatto che, proprio in questi giorni, l'Europa sta lavorando a definire una classifica delle fonti energetiche considerate verdi o compatibili con il nostro patto per un'economia sostenibile. Oltre all'ovvia presenza tra i primi posti delle energie alternative, come quella eolica o fotovoltaica, la grande battaglia e sull'inserimento o meno del gas e dell'energia nucleare tra queste fonti accettate dall'Unione Europea. La scelta è vitale per Paesi come l'Italia che per più del 40% dipende dal gas per la produzione di energia elettrica. Ed è vitale, ad esempio, per la Francia che invece ha una grande dipendenza dall'energia nucleare. Il nostro Governo ha chiesto alla Commissione Europea una decisione veloce e ambiziosa che inserisca il gas nella classificazione delle fonti energetiche Green nella nuova tassonomia appunto, anche perché senza poter contare ancora sull'aiuto del gas fossile sarà difficile per molte economie riuscire a mantenere i livelli attuali di sviluppo dovendo rispettare il passaggio a fonti energetiche totalmente rinnovabili. Nella stessa maniera è in corso una serrata trattativa per comprendere anche l'energia nucleare tra le fonti permesse, con una condizione che sembra condivisa dalla maggior parte dei Paesi compresa l'Italia, se si parla di nucleare ci si deve riferire a quello di nuova generazione in via di costruzione, fatto di piccole centrali di produzione molto più sicure di quelle attuali e di quelle che hanno provocato disastri in giro per il mondo. La partita è comunque ancora aperta, ma una volta che la Commissione Europea avrà stabilito quali fonti energetiche sono ammissibili, miliardi di investimenti si sposteranno su l'uno o sull'altro tipo di produzione condizionando parecchio la direzione dello sviluppo economico.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast