Novi Ligure, Erika De Nardo si è sposata

30 nov 2019

Un delitto impossibile da dimenticare quello di Novi Ligure. Era l' 11 febbraio del 2001 e due adolescenti, Erika di 16 anni e Omar di un anno più grande, uccisero la mamma di lei, Susy Cassini e il fratellino di 11 anni. 96 coltellate furono inflitte alla donna, 57 al bambino. A distanza di 18 anni si torna a parlare di quell'orrore. perché Erika de Nardo si è sposata. Dopo essere stata condannata, processata, incarcerata, ha finito di scontare la sua pena e la sua vita continua. "Ha maturato la giusta consapevolezza sulla tragedia" ha detto don Mazzi, che ha ospitato la ragazza nella comunità Exodus e questo le permette di continuare a vivere. Fondamentale è stata la presenza di suo padre, che in tutti questi anni ha scelto di restare vicino alla figlia e di aiutarla. Grazie a lui, l'ingegner Francesco de Nardo, dirigente di un'importante azienda dolciaria, la figlia non è stata abbandonata al suo destino. All'origine del delitto, una banale discussione per lo scarso rendimento scolastico di Erika, il litigio scatenò l'ira della ragazza che si scagliò contro sua madre e contro suo fratellino che aveva visto tutto e non poteva quindi essere risparmiato. Erika e Omar furono condannati in primo grado dal tribunale per i minorenni di Torino a 16 anni e a 14 anni di reclusione. Le condanne furono poi confermate dalla Corte d'appello di Torino nel 2002 e in via definitiva dalla Cassazione nel 2003. Per effetto dell'indulto e dello sconto di pena per buona condotta, sono entrambi tornati liberi prima: a marzo del 2010 Omar e a dicembre del 2011 Erika.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.