30 anni di Dia, da Palermo al via la mostra itinerante

09 nov 2021

Una mostra per celebrare i 30 anni di attività della DIA, la Direzione Investigativa Antimafia. Un viaggio nella storia della lotta alla criminalità organizzata partito oggi ufficialmente da un luogo simbolo della lotta alla mafia: l'Aula Bunker del carcere Ucciardone di Palermo. La stessa dove venne celebrato il primo maxi processo istruito proprio da Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Per dare il via a questo viaggio che toccherà 22 città italiane la Ministra della Giustizia Marta Cartabia che nel suo intervento, rivolgendosi ai ragazzi delle scuole presenti in aula, ha ricordato il sacrificio e la figura di Giovanni Falcone che con la vita ha pagato il suo impegno per combattere contro Cosa Nostra. "Da quel cratere in cui la Repubblica italiana sembrava sprofondare, invece la Repubblica si è rialzata più forte". La DIA dalla sua fondazione ha ricoperto un ruolo fondamentale. Così come fondamentale è ancora oggi la collaborazione tra le Forze dell'Ordine nel contrasto alle mafie. "È una circolarità informativa, la possibilità di analizzare i milioni e milioni di dati grazie ai nuovi calcolatori e le nuove attività di intelligence che siamo riusciti ad ottenere. È fondamentale perché soltanto mettendo a fattor comune tutte quante le informazioni, tutte quante le cognizioni, tutte quante le idee che dalle Forze dell'Ordine, dalla DIA e dalla Magistratura, possono essere tirate fuori, soltanto in questo modo possiamo ottenere un effettivo risultato di contrasto alla criminalità organizzata".

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast