Fase 2, ecco cosa cambia a Roma

02 mag 2020

Cosa cambierà a Roma dal 4 Maggio quando scatterà la fase 2. Riapriranno in parte parchi e ville storiche, si potrà passeggiare, correre o andare in bicicletta, anche lontano da casa. L'accesso sui mezzi pubblici sarà contingentato. Dal 4 Maggio servirà ancora l'autocertificazione? Servirà sempre l'autocertificazione e saranno le stesse motivazioni con le quali si potrà uscire. Si potrà andare anche in regione per le stesse motivazioni, quindi motivi di lavoro, studio, università, motivi di salute. Sarà possibile passeggiare o correre anche lontano da casa, ma quali sono le regole da rispettare? Una passeggiata dovrà avere come regola il rispetto di un metro di distanza l'uno dall'altro, mentre per quanto riguarda la corsa la distanza sarà di due metri. Finalmente si potrà uscire anche con i bambini. Chiaramente mi auguro che i genitori sappiano essere, come dire, attenti perché gli stessi bambini non vengano a contatto anche con altri bambini. Fino ad adesso la città ha reagito bene, speriamo che reagisca ancora meglio. Speriamo che continui così anche quando si allargherà questa maglia, diciamo, di frequentazione ormai delle aree pubbliche, per primi i trasporti. Intanto in questi giorni è partita l'installazione dei marker sui bus e sulla metro, per garantire il rispetto delle distanze a bordo. I segnaposto indicheranno i sedili che non possono essere utilizzati, mentre sulle banchine della metro e in tutte le stazioni saranno posizionate delle segnaletiche a terra, per indicare le distanze da mantenere. Sarà inoltre obbligatorio indossare la mascherina anche di stoffa e potrà salire a bordo un numero ridotto di passeggeri rispetto alla capienza massima. Ma il vero problema saranno i controlli. L'Atac ha fatto sapere che da sola non è in grado di svolgere il compito. Interverremo presso i capolinea, affinché possa disciplinarsi meglio la salita sugli autobus di linea della linea urbana, a verificare che comunque vengano rispettate le condizioni previste dal decreto della presidenza del Consiglio. Gradualmente nella Capitale apriranno anche i parchi e le ville storiche. Qui siamo a Villa Borghese, dove continuano gli interventi di manutenzione del verde in vista della prossima riapertura ai cittadini. Si potrà passeggiare, correre, andare in bicicletta, osservando però, non ci stancheremo mai di dirlo, la distanza di sicurezza. Mentre come in qualsiasi altra parte della città saranno vietati gli assembramenti. Per il controllo nei parchi utilizzerete anche dei droni. Sì, sono dei droni che fornisce la Protezione Civile del comune di Roma ed anche delle associazioni di volontariato. Ovviamente, loro collaboreranno con noi per il controllo delle frequentazioni nei parchi, soprattutto quelli etesi. Bar, pub, ristoranti, rosticcerie, gelaterie, pasticcerie, pizzerie al taglio, paninoteche, yogurterie e piadinerie riapriranno, ma non per il consumo sul posto. Tra le novità della fase 2 c'è la possibilità di avviare attività di takeaway. Clienti e personale degli esercizi dovranno indossare mascherine, guanti e rispettare la distanza di sicurezza. Tenteremo di fare un po' tutto quello che sono le competenze che abbiamo messo in atto nella nostra attività. Colazione, pranzo, probabilmente anche qualche aperitivo da portar via.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast