Femminicidi, gli sviluppi dei casi di Misterbianco e Quartu

14 dic 2021

C'è anche la pistola che ha ucciso Jenny nel Casolare abbandonato del villaggio Campo di Mare, a Catania, dove i Carabinieri del comando provinciale trovano il corpo senza vita di Sebastiano Spampinato, il trentenne sposato che per l'omicidio di Giovanna Cantarero è sempre stato l'unico sospettato, per via della relazione tra i due definita da molti burrascosa. Gli investigatori verificano tutte le ipotesi ma la pista più convincente rimane quello del suicidio, deciso dall'uomo che ormai si sentiva braccato. Ricostruita invece nei dettagli la dinamica: alle 21:30 di venerdì scorso l'assassino aspetta Jenny all'uscita dal lavoro, al panificio di Lineri, frazione di Misterbianco, e spara da distanza ravvicinata sfigurando la ragazza. La vittima, in compagnia di una collega, aspettava che la madre la portasse a casa dalla figlia, una bimba di 4 anni. E intanto, interrogato dal PM all'ospedale Businco di Cagliari, dove è ricoverato, si avvale della facoltà di non rispondere Sandro Sarais, il cinquantaseienne fermato nelle scorse ore nelle campagne fra Castiadas e Solanas, nel sud della Sardegna, per l'omicidio della compagna, la cinquantenne rumena Mihaela Kleics. Il corpo della donna viene trovato nelle scorse ore nel suo appartamento in affitto a Quartu Sant'Elena, nel cagliaritano. Fermato su un'auto a noleggio, Sarais si colpisce al torace con una lama e confessa l'omicidio. Poche ore dopo, davanti al PM, decide di non parlare.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast