Ferrara, passa la piena del Po resta l'allerta

28 nov 2019

“Fa paura, crea qualche ansia e preoccupazione, perché se dovesse mollarci è un problema.” Il Po in piena percorre l'ultimo tratto verso la foce. Nel ferrarese, dove il letto del grande fiume si restringe, l'attenzione è massima. Chi vive da queste parti viene a vedere il livello dell'acqua anche più volte al giorno. “Succede qualche volta, si viene a vedere, si passa di qua e ci si ferma. Nel 2000 era più alta di questa, quasi al quel gradino là, un po' più giù arrivava nel 2000”. “È il fiume nazionale, se non veniamo a vedere il Po cosa andiamo a vedere, i ruscelli? Il Po è una via d’acqua, è una via di vita.” “È una bella portata, assolutamente.” “Adesso vedo che è molto scorrevole la cosa e vedo che è in miglioramento.” A Ferrara sono state evacuate quattro abitazioni all'interno della golena. Una ventina gli sfollati. Forze dell'ordine impegnate in un servizio di controllo anti sciacallaggio. La portata del Po è oltre la soglia della criticità elevata. Sono centinaia i tecnici e i volontari al lavoro. Il monitoraggio degli argini è costante, soprattutto per il pericolo delle infiltrazioni. “È una piena ovviamente abbastanza importante, diciamo paragonabile a quella del 2014, con una portata qui a Pontelagoscuro di circa 8.100 metri cubi/secondo.” Occorrerà attendere ancora prima che i livelli del Po scendano e l'allerta rientri. “È una situazione delicata, almeno fino a domani, dipende molto dal livello del mare. Speriamo, quando la piena arriva al mare, il livello sia un livello di bassa marea, ma secondo me ancora per due giorni dovremo soffrire.”.

pubblicità