Fine vita, Consulta: aiuto suicidio non sempre punibile

26 set 2019

La Corte costituzionale accoglie e ridefinisce i confini della legge sull'aiuto al suicidio e con una sentenza storica stabilisce che da questo momento in poi tutte le condotte come quella di Marco Cappato, a certe condizioni, diventeranno lecite. In attesa che il Parlamento intervenga con una legge che disciplini la materia, i giudici delle leggi, infatti, stabiliscono i paletti entro i quali l'aiuto al suicidio non sarà più punibile e cioè che il paziente sia affetto da una patologia irreversibile che gli provochi sofferenze fisiche intollerabili, che sopravviva solo attraverso trattamenti di sostegno vitale e che soprattutto sia capace di prendere decisioni libere e consapevoli. “Grazie Fabo innanzitutto, grazie Fabo. E' stato un mio dovere farlo, l'ho sentito come un mio dovere. Adesso è un diritto per chi si trova in quelle condizioni. Da oggi siamo tutti un po' più libri, anche chi non è d'accordo, perché non si obbliga nessuno a fare nulla. E' una libertà in più”. La sentenza della Consulta darà ora ai giudici milanesi gli strumenti per giudicare Marco Cappato, che rischiava una condanna fino a 12 anni di reclusione per aver accompagnato DJ Fabo, ormai cieco e tetraplegico, in Svizzera, dove si sottopose al suicidio assistito. “Un grazie va a Marco Cappato perché senza la sua disobbedienza civile, senza Fabo, non avremmo ottenuto questo risultato. Oggi gli italiani sono più liberi. Questo comunicato stampa ci informa che la non punibilità del reato di aiuto al suicidio ha valore retroattivo con determinate condizioni ben precise”. Intanto le prime proteste arrivano dal mondo cattolico dove si parla di un pericoloso precedente e dal mondo dei medici con il presidente della federazione nazionale dell'Ordine che fa sapere di prevedere una forte resistenza e chiede che ad applicare la procedura di suicidio assistito sia un pubblico ufficiale rappresentante dello Stato e non un medico.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.