Fine vita, i casi di Eluana Englaro e Welby

25 set 2019

“Il suicidio assistito è diverso dall'eutanasia” è il parere del Comitato Nazionale di Bioetica, che a luglio si è spaccato in due tra la linea dei sì e quella dei no al suicidio medicalmente assistito. DJ Fabo ha scelto di morire in Svizzera, dopo anni di terapie per liberarsi da quella che lui stesso aveva definito una tortura insopportabile. L'atto autonomo di porre fine alla propria vita, compiuto da un malato in grado di intendere e di volere, è una pratica autorizzata in Svizzera; il medico fornisce il farmaco, che poi la persona utilizza personalmente, non interviene il medico direttamente nel provocare la morte della persona, è lei stessa a decidere quando morire. Nell’eutanasia, invece, è il medico stesso a provocare la morte. In quella attiva il medico somministra un farmaco, di solito attraverso un'iniezione endovenosa su consapevole richiesta del paziente, nell'eutanasia passiva il medico si limita a sospendere le cure o a spegnere le macchine che tengono in vita un paziente. Piergiorgio Welby, immobile a letto a causa della distrofia muscolare, dopo una lunghissima battaglia giuridica nel 20 Dicembre 2006 ottiene la sedazione e il distacco del ventilatore, con l'aiuto del medico anestesista Mario Riccio e dei suoi familiari e amici, sceglie di interrompere le cure e di spegnere il respiratore che lo tiene in vita. Tre anni dopo, nel 2009, muore Eluana Englaro per disidratazione sopraggiunta a seguito dell'interruzione della nutrizione artificiale, da 17 anni in stato vegetativo a causa di un incidente, il papà Beppino Englaro per anni si è battuto per fare in modo che sia rispettata la libertà di sua figlia, che aveva detto che non avrebbe voluto proseguire i suoi giorni, se fosse capitata in una circostanza del genere.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.