Firenze, caccia al tesoro disperso dei Martelli

10 nov 2021

Quando, circa vent'anni fa, Casa Martelli è stata acquisita dallo Stato italiano, le pareti erano quasi vuote e gli armadi svuotati. La famiglia, una delle più significative dinastie fiorentine, dal '400 al fianco dei Medici in affari e politica, cadde in rovina dopo l'Unità d'Italia e fu costretta a vendere gran parte del patrimonio a collezionisti europei ed internazionali. Alcuni di questi capolavori sono legittimamente nelle collezioni dei musei sparsi nel mondo, altre opere e tutti gli oggetti del vivere comune, dai vestiti alle porcellane, dalle tovaglie ai gioielli, sono semplicemente spariti. Eppure queste stanze sono vissute in ricchezza e decadenza, dal XVII secolo al 1986, quando morì Francesca, l'ultima delle Martelli. L'associazione "Amici dei Musei" di Palazzo Davanzati e Casa Martelli ha avviato una preziosa caccia al tesoro su scala internazionale, alla quale tutti, non solo studiosi specialisti, possono partecipare attraverso la piattaforma digitale www.casamartellifirenze.it. C'è un elemento importante da scovare. "Il Grifone rampante, questo veniva applicato a tanti degli oggetti d'uso, ai serviti, agli stemmi da porre in esterno, così come a tante delle opere". Si possono poi consultare altri fonti documentali, in questo caso proprio un dipinto della quadreria diventa testimonianza dei tesori dispersi. Mancano all'appello dei ritratti di una parte della famiglia, ad esempio quello della monaca di San Gaggio. "Sono stati venduti del tutto lecitamente, quindi il fatto di segnalarli è un contributo a riallacciare il filo della storia e non crea nessun problema ai proprietari".

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast