Fontana, in Lombardia raggiunto il picco

18 nov 2020

Presidente ci spiega perché il 27 novembre entriamo in zona arancione? Perché tecnicamente da venerdì i parametri ci dicono, i parametri legati alla regione Lombardia, ci dicono che già siamo entrati in zona arancione, il Dpcm però ci impone che questi parametri vengano mantenuti o addirittura migliorati per almeno due settimane, quindi il 27 scadono queste due settimane e se le cose andranno nel verso giusto, potremo chiedere di essere trasferiti zona arancione. Possiamo chiedere lei dice, quindi lei lo chiederà? Io, se le condizioni saranno positive dopo aver fatto una attenta analisi con i nostri tecnici e con i tecnici del Ministero, nell'ambito di un'assoluta sicurezza, chiederemo eventualmente di essere ammessi alla zona arancione. Ma a lei preoccupano questi allentamenti? Ma guardi, se le situazioni dovessero essere mantenute come sono quelle odierne, se da parte dei cittadini ci fosse un rispetto delle regole adatte, tenendo conto che ad oggi questo miglioramento è dovuto soltanto all'ordinanza del 22 ottobre scorso, emesso da Regione Lombardia, credo che i passaggi in zona arancione potrebbe essere tranquillizzante. Quindi non la preoccupa? Io sono sempre preoccupato perché credo che si debba essere preoccupati in una situazione come quella determinata dalla presenza del coronavirus, ma credo anche che si debba sempre utilizzare il buonsenso, si debba sempre seguire quelli che sono le indicazioni date dai tecnici. Insieme ad altri governatori avete chiesto di passare dal 21 indicatori a 5, ma un maggior numero di indicatori non le sembrava più una garanzia per la salute? No, perché gli indicatori di cui abbiamo chiesto il mantenimento sono quelli sostanziali che meglio descrivono la situazione effettiva della situazione epidemiologica nel modo migliore, gli altri indicatori sono di difficile comprensione, ma soprattutto ancora di più di difficile applicazione, non si riesce a capire come da questi parametri si arrivi poi a certe conclusioni. Possono essere dei dati confusi poi? Possono essere dei dati difficili da interpretare. Poi, comunque, l'altro aspetto fondamentale è che i 5 parametri si possono riferire a dati molto recenti, per esempio, lo stato di occupazione delle terapie intensive le possiamo avere del giorno precedente. Altri dati, invece, si riferiscono a 1 o a 2 settimane prima. Ecco, lei questi dati, comunque, li guarda immagino, quotidianamente, anche con una certa preoccupazione, c'è uno di questi dati che la rassicura di più? Ma guardi, ce ne sono più di uno, credo che i due dati più importanti siano da un lato, quello dell'RT, che è l'indice di infezione che si sta gradualmente abbassando in Regione Lombardia, e secondo l'indice della pressione sugli ospedali, sui pronto soccorso che anch'esso si sta riducendo. Non voglio poi dimenticare il numero delle chiamate al 118, per questioni respiratorie che queste chiamate si stanno riducendo. Quindi questo plateau è stato raggiunto? Io credo, parlando anche con gli esperti, che questo plateau sia stato raggiunto e adesso aspettiamo che inizi la discesa.

pubblicità