Formia, circoscritto focolaio legato a imprenditore ittico

29 set 2020

Un grande lavoro organizzativo. Questo ha permesso di contenere e alla fine ridurre praticamente a zero il focolaio di covid 19 a Formia. Tutto comincia il 12 settembre, quando un noto imprenditore della città, in provincia di Latina, risulta positivo al coronavirus. Subito scattano i controlli che cominciano dai familiari e si estendono ai dipendenti delle sue attività, un ingrosso ittico e due ristoranti. Incominciando a fare l'indagine epidemiologico si è visto che funziona a livello di cerchi concentrici. Si incomincia all'inizio con il caso, con la famiglia, con i lavoratori, con le persone che sono venute a contatto stretto. In due settimane i medici e gli infermieri del distretto 5 della ASL di Latina hanno eseguito più di 3.000 tamponi, alcuni a domicilio, la maggior parte in questo drive in allestito in un grande parcheggio nella periferia di Formia, solamente lo 0,67% è risultato positivo. I numeri sono stati bassi per fortuna, alla fine si è rivelato un terzo dei positivi del test rapido, positivi al test rapido, è risultato successivamente positivo. Questo però ci ha consentito di monitorare persone che non avrebbero mai fatto un tampone nasale e sono risultati positivi. Il risultato finale è stata una mappatura molto ampia della popolazione di Formia che conta poco meno di 39000 abitanti, dove comunque il sindaco ha disposto misure di distanziamento più severe. Oggi a Formia è obbligatorio l'uso della mascherina, è obbligatorio l'uso della mascherina per tutte 24 le ore. Questo è stato accolto inizialmente non in maniera molto piacevole, ma il virus ci ha insegnato questo.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast