Fridays for Future, corteo di giovani a Palermo per il clima

29 nov 2019

“C'è bisogno di un'inversione di rotta adesso. È per questo che noi scendiamo in piazza, perché se non si cambia adesso, se non si comincia adesso con delle politiche concrete per lo sviluppo del nostro Paese che tenga in conto del nostro futuro non abbiamo più cosa fare. E questo è colpa di tutti quei politici che anche dopo tre Global Strike non ci hanno ascoltato, e anche quando l'Italia è stato il Paese che ha mobilitato più studenti non è stato preso nessun provvedimento”. “Siamo in piazza come campagna “Si resti arrinesci”, una campagna contro l'emigrazione giovanile, perché siamo convinti che poter rimanere nel nostro territorio vuol dire prendersene cura, vuol dire distruggere quella narrazione della nostra terra come una terra da abbandonare perché nessuno se ne prende cura, quindi abbiamo deciso di prendercene cura noi e siamo qui perché pretendiamo che la Sicilia sia una terra non da distruggere, ma da cui trarne i frutti”.

pubblicità
pubblicità