Frosinone diventa zona rossa, preoccupano le varianti

07 mar 2021

Questa è una provincia molto aperta agli scambi, una provincia industriale, una provincia molto frequentata per cui noi dobbiamo proteggere la popolazione. Dobbiamo metterci al sicuro. Da giorni Frosinone viaggia a una media di poco meno di 300 nuovi casi di covid ogni 24 ore. Più che l'RT a a preoccupare qui in Ciociaria è l'incidenza del virus sulla popolazione e ancor di più le varianti. 39 i casi registrati. La variante inglese sta diventando predominante e quindi sta rappresentando un'alta percentuale, mentre altre varianti ancora per fortuna no. La misura preventiva che ci aiuta comunque a contenere è non esasperare la situazione. Qui all'ospedale di Frosinone è stata allestita una struttura dove sono accolti i pazienti in attesa di essere indirizzati verso il percorso terapeutico più opportuno. Il sistema funziona anche grazie a questo laboratorio automatizzato, dove i macchinari 24 ore al giorno, analizzano tutti i campioni che vengono fatti non soltanto qui a Frosinone, ma anche nell'intera provincia. Per quanto preoccupanti i numeri registrati nelle ultime settimane non hanno messo in crisi il sistema delle terapie intensive. Attualmente abbiamo 10 posti, ma che possono essere ampliati perché è una rianimazione dinamica. La Ciociaria può contare su 4 ospedali Frosinone, Sora, Alatri, Cassino, ricoprono un bacino di circa mezzo milione di persone. Nell'ultimo mese abbiamo avuto una notevole pressione per cui tutti i posti letto sono stati occupati, sempre occupati, ma siamo comunque riusciti ad accogliere tutti i pazienti. Intanto, mentre si cerca di frenare il virus, prosegue a passo spedita la campagna vaccini. Sta andando molto, molto bene sotto la regia regionale della nostra azienda. Abbiamo superato oltre 35000 vaccini. La zona rossa durerà due settimane, ma già fra 7 giorni sarà possibile fare un'analisi dell'impatto delle misure restrittive e valutare la loro eventuale rimodulazione.

pubblicità