Great resignation, in Italia in 6 mesi quasi 600mila dimessi

10 dic 2021

You only live once. È il mantra della cosiddetta Yolo generation e per Yolo si intende l'acronimo del si vive una volta sola. Una consapevolezza, un bisogno impellente di vivere al massimo delle proprie aspettative. Pensiero diffuso, contagioso come il virus che l'ha scatenato dall'America all'Italia, maturato in modo esponenziale in particolare durante i mesi della pandemia e dopo aver realizzato la labilità del sistema moderno durante il lockdown. Una consapevolezza, quella della Yolo, che tocca tutte le generazioni, dai millennials alla generazione Z, ai più maturi e che si declina anche nel mondo del lavoro con diverse opzioni. Ma soprattutto sembra sia alla base del boom delle dimissioni dei contratti. Negli Stati Uniti hanno già definito il fenomeno, la chiamano la cosiddetta Great resignation o anche Big quit. 4 milioni di americani che ad aprile ci sono dimessi dalle proprie aziende. Sono in particolare le donne, quasi 3 milioni, quelle che hanno deciso di mollare perché finalmente stanno realizzando che non devono fare tutto. In Italia, dati del Ministero del Lavoro nel bollettino delle comunicazioni obbligatorie, il fenomeno si mostra in tutta la sua rilevanza. Nel secondo trimestre del 2021 con 484 mila dimissioni pari al 85% in più rispetto allo stesso periodo del 2020. un trend, se pur ridotto, che si conferma anche nel terzo trimestre quando sono stati 111 mila i dimissionari con un + 26% rispetto allo stesso trimestre del 2020. C'è la voglia di riappropriarsi del proprio spazio e tempo e di non sottostare a dinamiche gestionali. Molti dipendenti scelgono la via della consulenza per guadagnare in autonomia e gestione del tempo e spesso anche del luogo. Molti degli esperti riconducono il boom di dimissioni all'assaggio di libertà lavorativa durante il lockdown con lo smart working, che spesso è coinciso con un enorme impegno produttivo ma in totale libertà. Ma come valutare il fenomeno? Se da un lato sono in costante crescita anche in Italia le partite IVA, nel mondo dei servizi tecnologici in particolare, la rivoluzione della Yolo generation apre importanti interrogativi. È davvero un segnale di salute del mercato del lavoro con maggiore mobilità e soddisfazioni per tutti o ci si butta anche senza rete pur di non sottostare più alle dinamiche gestionali non sempre illuminate?.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast