Green Pass, Marrone scrive a Garante Privacy

05 ago 2021

"Pronti per il Green Pass?" "Prontissimi. Scaricata l'applicazione siamo pronti a lavorare". "Dovrete chiedere anche il documento d'identità?" "Si, dovremmo chiederlo ma credo che sarà la questione più complicata in tutta questa faccenda. Perché noi non siamo dei poliziotti, quindi non è neanche carino per noi dover verificare un documento di identità". La preoccupazione di Maria, che gestisce un bar pasticceria nel centro di Torino, è la preoccupazione di gran parte degli esercenti. Sulla questione l'Assessore agli Affari Legali della Regione Piemonte, Maurizio Marrone, ha scritto al Garante della Privacy per porgli questo quesito: "Non essendo Pubblici Ufficiali i ristoratori hanno titolo di chiedere, quale identificazione, l'esibizione del documento d'identità ai loro clienti?" "Lei pensa di no?" "Io penso di no perché il Decreto riaperture e il DPCM successivo dicono che possono e devono verificare con l'applicazione online il possesso del Green Pass e quindi verificare il QR Code. Però non parlano dell'identificazione della persona a livello proprio di passaporto o carta identità o patente. Questa nel nostro ordinamento, fino adesso, proprio per la delicatezza dei dati sensibili della privacy è stata sempre consentita solo ai Pubblici Ufficiali. Addirittura agli ausiliari, sui mezzi pubblici, non è consentito pretendere l'esibizione del documento d'identità. Per cui riteniamo che sarebbe un precedente grave e in contraddizione con quelle che sono le leggi fino adesso in vigore". In realtà sul sito del Governo dedicato alle informazioni per gli operatori "App Verifica Covid-19", che serve per constatare la validità delle Green Pass, si legge che l'interessato su richiesta del verificatore esibisce un proprio documento d'identità in corso di validità ai fini della verifica di corrispondenza dei dati anagrafici presenti nel documento con quelli visualizzati dall'app. "Sono dell'idea che sarebbe non sono sbagliato e illegittimo sanzionare i ristoratori ma sarebbe anche, io penso, a rischio di ricorsi di massa. Quindi sarebbe anche del tutto illogico da un punto di vista amministrativo".

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast