Il 37% dei pazienti Covid ha avuto conseguenze neurologiche

18 giu 2020

Più del 37% dei pazienti che hanno contratto il covid hanno avuto reazioni neurologiche. Lo conferma uno studio cinese, l'unico al momento disponibile e lo constatano anche neurologi italiani che hanno curati pazienti covid. Ciò che sembra ormai chiaro e innegabile è che esiste un interessamento neurologico del sistema nervoso centrale e periferico da parte dell'infezione da covid. Sintomi neurologici vuol dire o in acuto, mi riferisco a incidenti cerebrovascolari, epilessia etc. oppure dei sintomi molto più modesti, come stato confusionale, verso vertigine, mal di testa, eccetera. Dunque, emerge sempre di più il fatto che l'infezione da covid non colpisce solo le vie respiratorie di cui il polmone è il bersaglio primario e di più urgente e vitale risoluzione, ma potenzialmente l'organismo nel suo complesso. Sicuramente eventi cerebrovascolari noi al momento abbiamo una paziente che si è negativizzata dopo covid e che ha avuto anche un disturbo della coscienza oltre ad un evento cerebro vascolare e che ha tutti gli esiti delle gravi cerebrolesioni acquisite. Quello neurologico è stato forse un effetto sottostimato. Ma oggi ha anche un nome e si chiama neuro-covid. Fra i pazienti italiani si registrano anche casi di afasia e perdita della vista. Sicuramente non mi stupisce questa associazione, perché se pensiamo che un evento del sistema nervoso centrale, un evento cerebrovascolare, può interessare, le aree deputate alla vista piuttosto che al linguaggio, non mi stupisce affatto. Gli effetti neurologici del covid si manifestano anche su pazienti senza pregresse patologie e anche se la manifestazione del virus è stata in forma lieve. Non necessariamente sono pazienti già affetti da patologie. Ma il vero problema è dare una risposta del perché pazienti diversi esprimono sintomi diversi o organi diversi. Il centro Auxologico di Milano sta conducendo uno studio che durerà un anno e creerà una mappatura dei casi neuro-covid in Italia, senza dubbio chiarirà anche molti aspetti ancora sconosciuti.

pubblicità
pubblicità