Il guarito a Codogno: Paura ma bisogna stare a casa

18 mar 2020

Sono in attesa di poter sottopormi ai due tamponi che, spero, attestino la mia guarigione, quindi il superamento del coronavirus e della polmonite dovuta alla coronavirus. Io sono legatissimo alla mia terra d'origine e ci ritorno appena posso. Il pensiero l’ho avuto, però poi mi sono ricordato degli insegnamenti che ho ricevuto dalla mia famiglia, dalle associazioni, dalle comunità politiche che ho frequentato, l'istruzione che mi è stata data durante gli anni, gli anni di scuola ed è prevalso in me un senso di responsabilità. Vede io in questi giorni ho riletto anche alla Costituzione italiana, ce l’ho qui, ci è stata donata qualche anno fa a scuola. L'ho riletta e penso che il diritto alla salute che lo Stato deve garantire e sta garantendo è la cosa necessaria, quindi le persone responsabili, hanno capito e dovrebbero capire tutti che in questo momento dobbiamo essere… cioè dalla nostra libertà si passa alla responsabilità verso gli altri e soprattutto verso chi è più sfortunato, verso chi soffre, verso chi non ha una casa, verso gli indigente, verso chi vive in condizioni economiche non eccellenti.

pubblicità
pubblicità