In aumento i pericoli del web: +77% di reati contro i minori

12 feb 2021

Un'edizione sicuramente diversa, la pandemia cambia anche il modo di presentare il nuovo appuntamento con il Safer internet day. Il messaggio però è lo stesso, forte e deciso, è necessario educare ad un uso sano e corretto del web e quest'anno sembra essere partita in Italia una controffensiva per difendere i minori e soprattutto i più piccoli dai pericoli del web, accentuati soprattutto dai lunghi mesi di isolamento dovuti alla pandemia, infatti, tic toc chiede l'età agli utenti italiani. Un monito sui pericoli della rete, in particolare sulle notizie false, arriva anche da Papa Francesco, del resto i dati forniti dalla polizia postale sono preoccupanti. Nel 2020 sono aumentati del 77% i reati contro i minori, in aumento poi anche i casi di adescamento minorile da 14 di due anni fa a 41 del 2020, a colpire profondamente un dato. Il ricatto sessuale conseguente all'aver inviato una foto sessualmente esplicita nella fascia d'età 0 13 anni, parliamo sempre di bimbi, noi abbiamo avuto rispetto all'anno precedente alla pandemia con 0 denunce, ne abbiamo avute 14 di cui 4 nella fascia di età 0 9 anni di estorsione sessuale, significa che ci sono bambini piccolissimi che sono soli davanti al dispositivo. Fondamentale il ruolo della famiglia e della scuola, come sottolinea anche il capo della polizia, Franco Gabrielli, durante l'intervento Cuori Connessi nel quale ribadisce come il cyberbullismo non sia nato certo oggi, ma si sia aggravato nell'ultimo periodo. Il bullismo c'è sempre stato, c'è stato anche quando il web non c'era, ma mentre prima era confinato in luoghi fisici per cui nell'ipotesi peggiore i ragazzi che venivano bullizzati magari cambiano scuola, nelle situazioni più estreme cambiavano città, purtroppo con il web dovresti cambiare pianeta.

pubblicità
pubblicità