In barchino dalla Libia a Lampedusa, nessuno li intercetta

24 mag 2019

Sono arrivati da soli, senza essere intercettati da nessuno, a bordo di un barchino di sette metri che in piena notte è riuscito ad entrare indisturbato nel porto di Lampedusa. Solo allora ci si è accorti che si trattava di uno sbarco di migrati, 58 in tutto tra loro soltanto una donna. Sono di varie nazionalità, provengono dal Bangladesh, dalla Tunisia, dal Senegal. A bordo del barchino anche alcuni libici scappati dalla guerra in atto nel loro paese. Una volta aggiunta all'imboccatura del porto la barca, carica di migranti, è stata scortata in banchina dalle motovedette della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza. Gli occupanti, tutti in buone condizioni, sono stati trasferiti all'interno dell'hotspot di Lampedusa. Hanno raccontato di essere partiti dalla Libia e durante il viaggio, nessuno li ha intercettati. Ieri tre imbarcazioni con 230 persone a bordo in tutto, sono state individuate e bloccate dalle motovedette libiche che hanno riportato indietro i migranti. La ONG Sea-Watch ha anche denunciato il mancato soccorso da parte della Marina militare italiana ad uno di questi gommoni in difficoltà. Secca la risposta della Marina che ha sottolineato come la sua unità fosse distante e che, in ogni caso, era già intervenuta la motovedetta libica, salvando chi era in difficoltà. Insomma, nonostante in questo momento nel canale di Sicilia non vi siano navi umanitarie in azione i viaggi dall'Africa verso l'Italia non si arrestano.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.