Incendi Sardegna, dichiarato stato d'emergenza

26 lug 2021

Da ovest verso est, da sud a nord. Non si fermano le fiamme che bruciano la Sardegna e il fronte dell'incendio si allarga dall'Oristanese all'Ogliastra, mentre altri roghi colpiscono anche il territorio della provincia di Sassari. Oltre 20 mila gli ettari bruciati, numerose le aziende agricole in ginocchio, gli animali arsi vivi, centinaia di persone costrette a lasciare le proprie case. Impossibile al momento calcolare i danni. Il Premier Draghi ha espresso la sua vicinanza, la Regione ha dichiarato lo Stato d'Emergenza e attivato il Meccanismo Europeo di Solidarietà. "Si tratta, volevo dire, di una realtà senza precedenti nella storia autonomistica, dei fronti di fuoco enormi, favoriti da condizioni meteo-climatiche assolutamente al limite. Ad ora purtroppo, 20 mila ettari di bosco che rappresentano secoli di storia paesaggistica e ambientale di questa nostra Isola, sono andati in cenere". Nuovi Canadair sono stati chiesti a Francia e Grecia, per sostenere lo sforzo delle autorità locali e della Protezione Civile. Restano critiche le situazioni di diversi Comuni dell'Oristanese, da Scano Montiferro a Santu Lussurgiu. A Cuglieri è andato in cenere l'Olivastro Millenario, simbolo del paese. Sennariolo, secondo le stime di Sardegna Clima Onlus, ha visto bruciare il 95% del suo territorio. Un muro di fuoco ha chiuso sotto assedio la località di Porto Alabe, sul litorale di Tresnuraghes, anche se qui la situazione pare fortunatamente rientrata sotto controllo. Perchè accada lo stesso sugli altri fronti, serviranno ancora nuovi mezzi e sforzi.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast