Inchiesta Salerno, ras coop a casa dopo interrogatori fiume

28 ott 2021

Dopo 16 giorni di cella e due interrogatori fiume, in totale circa 15 ore, va ai domiciliari Fiorenzo alias Vittorio Zoccola, ritenuto dagli inquirenti il ras delle cooperative di Salerno, nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Salerno, diretta dal Procuratore Giuseppe Borrelli, su appalti milionari per la manutenzione, corruzione, elezioni e politica, che vede coinvolte 29 persone. Indagato anche il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli e arrestato Giovanni Savastano, detto Nino, ex Assessore alle Politiche Sociali e Consigliere Regionale, eletto nella lista Campania Libera, a sostegno del Governatore Vincenzo De Luca, che non risulta indagato. L'istanza per i domiciliari, presentata dall'avvocato Michele Sarno, legale di Zoccola, è stata accolta in ragione del contributo fornito dall'indagato all'accertamento dei fatti. "Ci sono molti verbali d'interrogatorio come avete visto, anche omissati, è probabile che rispetto a questi omissis ci possano essere degli sviluppi e ci possa essere una necessità di ascoltarlo di nuovo. Emerge un quadro chiaro, un quadro di riferimento rispetto al quale c'era una situazione particolare in città, che va nella direzione di un controllo anche di quello che possa essere l'elettorato e degli elettori. Però ripeto, queste sono valutazioni che poi devono essere attribuite ai processi". Ovviamente gli interrogatori, così come le intercettazioni contenute nell'ordinanza, sono solo uno dei tasselli dell'attività giudiziaria e andranno trovati riscontri. Tra i tanti omissis però, ci sono anche molti riferimenti alla politica e al mondo delle cooperative, delle quali l'imprenditore indagato si definisce consulente e garante di equilibri. Ad esempio "Terza dimensione e 3 SSS, fanno capo a me e i miei riferimenti sono esclusivamente Vincenzo e Roberto De Luca", che non risulta indagato così come il padre. Oppure "il 70% delle persone che ho assunto mi sono state mandate dai politici". Negli interrogatori fa poi un riferimento più ampio alla presunta connessione tra politica e appalti. "Le cooperative", dice ai magistrati l'imprenditore, "non esauriscono questo sistema che trova invece la sua massima espressione per quanto riguarda le società partecipate e le municipalizzate". È possibile, alla luce di quanto sta emergendo, che adesso l'attenzione degli inquirenti si concentri anche su questo punto.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast