Italia, nel 2020 diagnosi di tumore in aumento nelle donne

08 ott 2020

La brutta notizia è che nel 2020 aumentano le diagnosi di tumore nelle donne rispetto allo scorso anno. La buona è che aumentano anche le persone che dopo la diagnosi, sopravvivono. Sono alcune delle conclusioni contenute nel rapporto I Numeri del Cancro in Italia 2020 presentato all'Istituto Superiore di Sanità. Dal censimento emerge che la previsione di nuove diagnosi di tumore fino a fine anno è di 377 mila, con un numero pressoché stabile delle diagnosi negli uomini e un aumento di circa 7000 casi di quelle nelle donne che passano da 175000 nel 2019 alle 182000 stimati quest'anno. Sebbene poi il tumore al seno resti quello più diagnosticato anche nel 2020, seguito da quello al colon retto, al polmone, alla prostata, tra le donne continua la crescita del carcinoma al polmone, malattia strettamente connessa al fumo e che ha visto un aumento del 3,4%. Le stime riferite al 2020 nel rapporto, giunto alla decima edizione, però, non sono in alcun modo influenzate dalla pandemia in corso, precisa Massimo Ruggeri, presidente dell'Associazione Italiana Registri Tumori perché riscontri futuri legati a questo drammatico evento, spiega, sono ancora tutti da definire. Dal rapporto emergono anche alcune buone notizie, a cominciare dall'aumento del numero delle persone vive dopo la diagnosi, che cresce del 37% rispetto a 10 anni fa. E cresce anche la sopravvivenza ai tumori a cinque anni che nelle donne raggiunge il 63%, mentre negli uomini si attesta al 54%. Numeri che, spiegano gli esperti, sono in gran parte legati al fatto che nel sesso femminile il tumore più frequente è quello alla mammella ed è caratterizzato da una prognosi migliore rispetto ad altre neoplasie. In Europa, negli Stati Uniti e negli altri paesi occidentali oltre circa il 40% dei nuovi casi di cancro è potenzialmente evitabile perché legato allo stile di vita. Nel nostro Paese i fattori di rischio comportamentali quindi modificabili sono responsabile ogni anno di circa 65000 decessi oncologici.

pubblicità