Jesolo, tunisino pestato dopo litigio al bar

03 lug 2020

Un'interminabile sequenza di calci e pugni. Pestato a sangue nel cuore della notte, abbandonato lungo marciapiede, privo di sensi. La vittima, un tunisino di 38 anni, ora ricoverato in gravissime condizioni nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Mestre. Il grave episodio è avvenuto a Jesolo, in provincia di Venezia, giovedì intorno alle 4 del mattino, nella zona di piazza Milano. Secondo una prima ricostruzione dei Carabinieri della nota località balneare, la vittima del pestaggio, residente nel padovano, ma domiciliato a Jesolo e già noto alle Forze dell'Ordine, sotto l'effetto dell'alcol avrebbe infastidito i clienti di un bar. Insulti, grida, una bottiglietta lanciata in aria. A quel punto quattro giovani del posto, tutti trentenni, si sarebbero alzati e avrebbero seguito il tunisino fino a piazza Milano. Una sorta di spedizione punitiva finita col pestaggio da parte di tre dei quattro uomini, tutti identificati e denunciati per lesioni personali gravissime in concorso. Una violenza spropositata, documentata da questo video girato da un passante. Sicuramente un brutto episodio per la nostra località Jesolo, è un danno d'immagine che sicuramente valuteremo se è il caso di perseguire verso gli autori di questo bruttissimo atto. Il trentottenne ha riportato gravi ferite al volto, alla testa e potrebbe aver subito danni neurologici importanti. Solo pochi giorni fa, un'altra piazza di Jesolo era stata teatro di una violenta rissa. Residenti e commercianti chiedono maggiori controlli e maggiore sicurezza. Si devono trovare i colpevoli, li si deve punire perché la violenza non deve essere mai tollerata, ma voler a tutti i costi, colpevolizzare i locali vuol dire nasconde la testa sotto la sabbia.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.