La protezione civile a Zanica porta aiuto ai contagiati

24 mar 2020

Quetta qui è la mascherina. Questa qui è la FP2. E la usate? Solo per la consegna della spesa ai positivi. Covid positivi proprio. Doppio guanto, dopodiché arrivati sul posto mascherina copri occhiali. Sono i volontari della Protezione Civile di Dalmine, portano la spesa ai contagiati e a chi è in quarantena. L’interrogativo: siete su Levate al momento? Dalla centrale operativa si coordina il lavoro. Portano cibo, farmaci, bombole di ossigeno a chi ne ha bisogno. Ma la prima preoccupazione è la loro sicurezza. Il primo pensiero, gel e mascherine. Ben sottochiave? Ben sottochiave perché sono più preziosi dell’oro in questo periodo. Queste sono in esaurimento. Abbiamo un’altra confezione da 50 che però facendo conto di circa 10 operatori al giorno fanno presto a esaurirsi. I volontari oggi sono a Zanica, vicino a Bergamo. Ogni giorno ci sono famiglie nuove, nuovi contagi chiedono di fare la spesa grossa per non dover tornare troppo spesso. Questa è una che ha capito che… Fare la spesa una volta per farla bene. Il pericolo inizia da qui, sulla soglia di casa. Ciao. Ciao. Ti lasciamo… Devi stare lì. Devi stare lì. Adesso tu entri ti lascio la busta, poi metti dentro i soldi, rientri, prendiamo la busta e poi ti lasciamo la spesa, ok? Non c'è mai contatto ravvicinato, portano la busta con lo scontrino e si allontanano, danno un segnale. Il signore può uscire dalla porta e prendere la busta, rientra in casa, ora gli possono portare le borse. Si riallontanano, i soldi vengono lasciati sulla porta. Ci va Giulia, li prende, li conta e chiude la busta. Tornano al mezzo senza praticamente aveva avuto contatti con le persone in quarantena, ma il rischio è troppo alto. Disinfettano la busta, la chiudono una scatola di cartone e in una di plastica. Si guardano alle spalle. Un paio, la mascherina, gli occhiali, anche questi poi li andiamo a disinfettare. È cosi ad ogni consegna e alla fine è il momento dei disinfettanti. Non fa caldo, hanno le braccia scoperte, per evitare di contaminare i vestiti. Non basta un disinfettante. Il primo passaggio. Ne usano due. Avete paura? Un po’ sì. Già il fatto di prestare molta attenzione, non devi dare nulla per scontato. Fino a un mese fa, Giulia era giardiniere e Luigi un operaio, oggi con la loro attenzione maniacale e la loro solidarietà ci raccontano come, forse, cambieranno le nostre vite in un mondo in cui anche toccare banconote e monete, diventa pericoloso. Stravolgere un po’ tutto secondo me, abitudini, usi e costumi, proprio. Si sensibilizza, si sensibilizza, non dai più niente per scontato. Di come in poco tempo, la tua quotidianità ti può stravolgere. I soldi li portano alla Protezione Civile, anche loro in quarantena per almeno 24 ore. Solo dopo questo tempo li daranno ai negozianti e potremo tornare a toccarli senza rischiare.

pubblicità