Lanciano, 98 positivi nella casa per anziani Antoniano

19 nov 2020

Nella casa religiosa Antoniano di Lanciano lavorano 57 persone tra operatori sanitari e altro personale. Gli ospiti sono 80, tutti molto anziani, alcuni quasi centenari.A fine marzo il primo caso, un infermiere. Immediatamente abbiamo testato tutti gli operatori e tutti gli ospiti e a sorpresa abbiamo avuto un numero incredibile di contagiati. Dopo tre giorni altri casi. E poi ancora fino a contare 98 positivi persone, anziani fragili, qualcuno non ce la fa. La seconda ondata di ricoveri si è portata via nove vite tra gli ospiti dell'Antoniano. Sono gli asintomatici che hanno introdotto il virus nella struttura. Tra il personale 32 persone si sono ammalate, il direttore sanitario ha dovuto chiedere aiuto alla protezione civile per garantire assistenza agli ospiti della struttura. Il nostro impegno in questo momento è quello di tirare fuori il maggior numero di vite umane, anche se sono fragili, sono grandi anziani. Un lavoro delicato e faticoso, perché: fanno fatica a capire quello che gli sta succedendo intorno e li troviamo completamente confusi, completamente come storditi. La Procura di Lanciano ha aperto un fascicolo di indagine contro ignoti per verificare eventuali responsabilità sul focolaio. Ma io penso che questo sia qualche cosa di doveroso da parte loro. Noi siamo sereni. Mentre il Nas dei Carabinieri di Pescara sta controllando anche altre strutture, un focolaio si è sviluppato nella casa di riposo per anziani La sorgente a Frisa, non lontano da Lanciano. Addirittura 100 i casi, invece, al Don Orione di Avezzano.

pubblicità