L'Aquila, le difficoltà degli abitanti delle new town

05 apr 2019

Quando è entrato per la prima volta in una di queste new town? Io sono stato uno dei primi perché entrai nell'ottobre del 2009, pochi mesi dopo il sisma. Quando lei entrò, diciamo dieci anni fa, cosa trovò intanto? Queste casette com’erano? Allora, innanzitutto io penso che non finiremo, almeno io personalmente non finirò mai di ringraziare chi all'epoca gestì l'emergenza post sisma pensando di costruire questi alloggi. Personalmente però io mi chiedevo come mai non non si paga nulla qui, non arriva né gas, né luce da pagare eccetera. Senonché un bel giorno, alla fine dell'anno 2013, ci vedemmo recapitare quello che noi definimmo “bollettone” di diverse migliaia di euro. Per di più scoprimmo una cosa eclatante, che in quei tre anni il Comune, non avendo pagato nulla al distributore, che credo fosse Enel Energia, era diventato moroso. Adesso com'è la situazione? Il Comune con quest’altra gestione ha cambiato qualcosa o è sempre la stessa? Adesso c’è una Giunta nuova, una Giunta differente e vogliamo sperare che ascoltino un po' di più. Adesso quindi la situazione attuale, per quanto riguarda lei, qual è? La mia casa è in pieno centro all'Aquila tra via Roma e viale Duca degli Abruzzi. Attualmente stanno lavorando, dovrebbe essere pronta intorno al 2020, credo. Quindi lei sarà contento di tornare all'Aquila o di restare qui? Le dico una cosa, l'Aquila era la più bella città del mondo prima del sisma.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.