Le mani della mafia sui contributi Covid, 19 denunciati

24 giu 2021

Le mani di "Cosa Nostra" sui contributi riservati agli imprenditori colpiti dalla crisi causata dalla pandemia. È quanto hanno scoperto gli uomini del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania che hanno denunciato 19 persone che hanno percepito, indebitamente, il contributo Covid a fondo perduto riservato agli imprenditori che, durante la pandemia, hanno visto crollare i propri fatturati ed hanno dovuto affrontare sacrifici per non chiudere definitivamente le attività. Ai denunciati infatti il contributo non spettava perché, alcuni di loro, erano stati condannati con sentenza definitiva per reati di "associazione mafiosa", altri invece colpiti da un "interdittiva antimafia". Nonostante questo, però, hanno presentato la domanda per accedere ai contributi ed hanno ricevuto la cifra stanziata dallo Stato. Gli imprenditori, che sono stati denunciati, operano tra Catania e la sua provincia e si occupano di vari settori dalla ristorazione all'immobiliare. Le indagini delle Fiamme Gialle sono ancora in corso perché c'è da capire se i denunciati che non avrebbero dovuto percepire i contributi siano stati, in qualche modo, aiutati da qualcuno per aggirare la normativa e ricevere il denaro destinato invece a chi non ha potuto lavorare a causa della pandemia, rischiando di perdere tutto.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast