Mamma no vax ma il giudice dice sì al vaccino per i figli

19 ott 2021

La storia, questa volta, conviene raccontarla partendo dal finale. Se non altro perché le motivazioni della sentenza con cui il Giudice del Tribunale di Parma, ha disposto che i due ragazzi minorenni, possono fare il vaccino, nonostante il parere contrario della mamma, funzionano come il riepilogo, forse più efficace, delle ragioni stesse alla base dell'intera campagna vaccinale. Motivazione numero uno del Magistrato: le posizioni No-Vax, sono contro la scienza, insomma, non hanno fondamento dimostrabile. Motivazione numero due: i ragazzi hanno il diritto a una vita sociale il più normale e stimolante possibile. Devono cioè, poter fare sport e vedere gli amici in tutta tranquillità e sicurezza e siccome il vaccino è l'unico strumento finora trovato e scientificamente provato, per ottenere il risultato, devono potervi accedere, anche se la mamma è contraria. La storia dunque. Centro storico di Parma, genitori su posizioni opposte, favorevole lui, contraria lei. Sotto lo stesso tetto, perché i due non sono separati. Dopo che i figli adolescenti hanno espresso il desiderio di fare l'iniezione, il padre decide di rivolgersi al tribunale, perché la moglie, nega la firma. Il Magistrato allora, incontra i ragazzi. Si accerta della loro volontà di vivere una vita, più simile possibile, a quella pre-pandemia e decide per l'unica via oggi possibile per avvicinarsi a quell'obiettivo: fare il vaccino. "Sentiti in udienza dal Giudice, hanno detto si, noi ci vogliamo vaccinare, perché vogliamo ritornare a fare la vita di prima e conosciamo i rischi e i benefici, e l'hanno fatto poi, il giorno dopo il deposito di questo provvedimento. Non hanno avuto nessunissima reazione avversa".

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast