Marina soccorre oltre 100 migranti alla deriva

30 mag 2019

Dopo oltre 24 ore alla deriva in mezzo al mare, sfiniti e bisognosi di cure, sono stati soccorsi da una nave della Marina Militare Italiana. Il trasbordo è iniziato in mattinata, con le condizioni meteo in continuo peggioramento. Il pattugliatore italiano è intervenuto dopo le richieste di soccorso lanciate dalle ONG. La prima segnalazione era arrivata mercoledì. Un gommone, con a bordo circa 90 migranti, tra cui una ventina di donne e bimbi piccoli, era stato avvistato alla deriva al largo della Libia. Al momento non ci sono conferme di vittime, anche se Alarm Phone, il sistema di comunicazione delle emergenze, ha fatto sapere che durante il naufragio sarebbe morta una bambina di 5 anni. La tragica notizia è stata riferita dagli stessi migranti. Ancora non si conosce il porto di destinazione, mentre continuano le tensioni tra le organizzazioni umanitarie e le autorità italiane. L'ultima accusa arriva dalla See Watch che ha pubblicato questo video in cui denuncia il mancato intervento di una nave della Marina Militare Italiana a poca distanza da un gommone in difficoltà. La replica della Marina: “Abbiamo constatato l'avvenuto recupero dei migranti da una motovedetta libica in zona SAR”. Nelle ultime ore ci sono stati altri due sbarchi sulle coste italiane: sull'isola di Lampedusa nella notte sono sbarcati circa 20 migranti; altri 45 sono riusciti ad arrivare direttamente a terra a Cala Galera a bordo di un peschereccio, una caletta a sud dell'isola. A dare l'allarme sono stati alcuni abitanti che hanno subito avvertito le Forze dell'ordine. Dall'inizio dell'anno ad oggi sono sbarcati oltre 1500 migranti. Il numero degli sbarchi, stando ai dati del Viminale, è sensibilmente calato rispetto allo stesso periodo del 2017 e 2018.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.