Maturita', al classico Tacito e Plutarco come seconda prova

20 giu 2019

Ore 08:10, Liceo Classico Cesare Beccaria di Milano. Io non sono particolarmente emozionata, nel senso che alla fine abbiamo studiato per cinque anni, quindi teoricamente le cose bene o male le sappiamo fare. Speriamo che vada bene questa versione, non so che cosa aspettarmi, dato che comunque avendo sia latino che greco... un po' preoccupata, sì. Comincia così la seconda prova scritta degli esami di maturità, diversa a seconda dell'indirizzo di studi e diversa rispetto al passato, con due materie al posto di una. Un po' di ansia e tensione non mancano, ma "meglio non pensarci" dicono i ragazzi, pronti sui loro banchi mentre Vicepreside e professori con una certa trepidazione aspettano le indicazioni del Miur. Tutto in tempo reale, tracce, fotocopie e si parte. Tacito per la versione di latino, Plutarco per il greco e i commenti non mancano. Come i ragazzi hanno accolto questa tracce? Allora con un pochino di ansia, perché l'esame fa sempre un po' da spauracchio, ma tutto sommato mi sembrano tranquilli. Occhi fissi sul compito, dizionario alla mano, concentrazione al massimo. Sei ore quelle che hanno a disposizione i ragazzi, sei ore che scorrono veloci, anzi velocissime. La prima a uscire è Chiara, che già avevamo intervistato all'inizio. Dopo che ho finito la versione ho iniziato a riguardarla e tutto mi sembrava sbagliato. Ho deciso di consegnarla per evitare di cambiare cose in preda al panico. A seguirla molti altri più o meno soddisfatti, ma consapevoli che anche questa prova è stata archiviata. Mi è sembrata in realtà pittosto facile, poteva essere più difficile. Poi anche la versione di riferimento di greco era piuttosto simile, quindi c'era la possibilità di confrontare i due testi. Mi è sembrata una versione generosa. E così si guarda agli orali, appuntamento alla prossima settimana con altre novità. Nessuna tesina, come in passato, ma la scelta fra tre buste. Per oggi, invece, un po' di pausa e meritato riposo. Quanto sei stanco? Tanto, tantissimo. Andrei a casa a dormire tutto il giorno.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.