Medici romani già vaccinati chiamati per un secondo vaccino

11 feb 2021

Medici che hanno già ricevuto le due dosi del vaccino Pfizer chiamati per sottoporsi anche all'inoculazione del vaccino AstraZeneca, mentre l'Italia fa i conti con le dosi di vaccino ridotte rispetto all'aspettativa, circa 700 camici bianchi, liberi professionisti iscritti all'ordine dei medici di Roma, già vaccinati intorno al 17 gennaio, nei giorni scorsi hanno ricevuto messaggi con la prenotazione per sottoporsi al vaccino dell'università di Oxford, in un comunicato la ASL Roma 1 fa chiarezza e spiega la vicenda, le convocazioni avvenute sulla base della lista fornita dall'ordine dei medici sono state verificate attraverso un contatto telefonico dall'unità vaccinazione anti covid dell'ASL per confermare la prenotazione, si legge, i medici che erano già stati vaccinati sono stati dunque depennati e hanno liberato il posto a favore di colleghi che ancora non lo sono stati. Ma il caso dei cosiddetti doppi vaccinati non è l'unico problema nel Lazio, molti medici liberi professionisti non vogliono ricevere il vaccino britannico perché, visti i livelli di protezione piuttosto bassi, lo ritengono non adatto alla loro professione. Sono state fatte invece le comunicazioni di possibile vaccinazione oggi con un vaccino che nelle linee ministeriali non risulta adatto alle categorie a rischio, come se i medici libero professionisti o di odontoiatri libero professionisti non fossero categorie a rischio. La replica della Regione Lazio è che il vaccino AstraZeneca è validato da AIFA e EMA per under 55 ssenza patologie, dunque non ci sono controindicazioni per imedici.

pubblicità
pubblicità