Meningite, 5.000 vaccinati nel basso Sebino

06 gen 2020

Oltre 5000 i vaccinati nelle province di Brescia e Bergamo, ambulatori aperti in via straordinaria, code lunghe e presidi notturni. Dai primi di dicembre, nel Basso Sebino sono stati registrati cinque casi di meningite di cui due decessi. Casi che hanno generato una vera e propria psicosi, tanto da costringere il personale sanitario delle Asl ad aperture non previste per vaccinare centinaia di persone che da giorni affollano gli ambulatori. Iseo, Capriolo, ma non solo ad essere preso d'assalto è anche il presidio di Sarnico, a pochi chilometri da Villongo Paese di origine di una delle persone colpite. Purtroppo è così, per prendere il posto devi venire presto altrimenti niente. Cominciano i casi e cominciano ad aumentare. E' che purtroppo muoiono la gente e quindi, però, dai tutto sommato, speriamo in bene dai. Io penso che questo sia un gesto di responsabilità, soprattutto i giovani sono più a rischio è sempre e comunque un gesto di rispetto per la comunità. E mentre le persone continuano a vaccinarsi sono diverse le riunioni che si tengono tra amministratori e autorità sanitarie. Non c'è nessuna emergenza, ha chiarito l'assessore al welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera che domani sarà a Villongo per fare il punto della situazione e autorizzare l'apertura di altri ambulatori in via straordinaria. E come previsto, riapriranno le scuole di tutta l'area saranno vaccinati gli studenti delle scuole superiori.

pubblicità