Migranti in Puglia, Papa: parrocchie daranno domicilio

03 nov 2019

I migranti e la loro situazione che rimane spesso drammatica, anche quando superano i pericoli di un viaggio che li porta in Italia, nelle parole di Papa Francesco. All'Angelus Bergoglio ringrazia per una iniziativa che per la prima volta nel nostro paese è stata presa qualche giorno fa in Puglia. Desidero porgere il mio sentito ringraziamento al comune e alla diocesi di San Severo in Puglia per la firma del protocollo di intesa, avvenuta lunedì scorso, 28 ottobre, che permetterà ai braccianti nei cosiddetti ghetti della capitanata, nel foggiano, di ottenere una domiciliazione presso le parrocchie e l'iscrizione all'anagrafe comunale. Un protocollo è stato firmato dal sindaco e dal vescovo alla presenza dell'elemosiniere del Papa, il cardinale Konrad Krajewski che era già andato il 29 settembre a visitare questi ghetti dove vivono i migranti che lavorano i campi, principalmente raccogliendo l'oro rosso, cioè i pomodori sottoposti al caporalato e senza avere nessun documento. Adesso le parrocchie grazie a questo protocollo con il comune, daranno loro il domicilio e queste persone vivranno finalmente in situazione più regolare. La possibilità di avere i documenti di identità e di residenza, offrirà loro nuova dignità e consentirà di uscire da una condizione di irregolarità e sfruttamento.

pubblicità
pubblicità