Migranti, la nave Gregoretti ha attraccato ad Augusta

28 lug 2019

La nave della Guardia Costiera, Gregoretti, ha ormeggiato al porto di Augusta, dopo giorni di stallo, costretta a sostare a poche miglia di distanza dai porti di Lampedusa prima e di Catania poi. "La Gregoretti ha attraccato ad Augusta, com'è normale che sia per una nave militare", ha subito sottolineato Danilo Toninelli il ministro delle infrastrutture e dei trasporti. "Ora," ha aggiunto "l'Unione europea risponda perché la questione migratoria riguarda tutto il continente". La Gregoretti riconosciuta come il nuovo caso Diciotti è una nave militare italiana, trattata finora, al pari di una nave umanitaria, battente bandiera olandese, tedesca o francese. Certo è che ormeggiando alla banchina Nato possono essere garantite condizioni migliori all'equipaggio e ai migranti, ma per ora i 131 migranti a bordo, non vengono fatti scendere. Nella tarda serata di sabato, mentre la Gregoretti era davanti al porto di Catania, una donna all'ottavo mese di gravidanza, è stata fatta scendere dopo un consulto medico insieme con il marito e i due figli piccoli. Il Governo italiano ha inviato una lettera a Bruxelles, chiedendo alla Commissione di coordinare le operazioni di ricollocazione dei migranti e come accade in questi casi, da Bruxelles sono partiti i contatti con i paesi membri per raccogliere la disponibilità ad accogliere le persone soccorse, ma la risposta non appare sufficiente. E cosi alla fine, Matteo Salvini apre nuovi scenari di scontro. Nessuno sbarcherà finché non ci saranno nome, cognome e indirizzo dei paesi che ospiteranno i migranti. Scontro esterno in Europa, perché è ogni giorno più evidente la frattura con l'asse franco-tedesco che vorrebbe ristabilire il principio dell'approdo nel porto più sicuro e anche più vicino. Posizione questa, chiaramente non condivisa dall'Italia, né tantomeno da La Valletta, ma è anche scontro interno, perché sul piano politico la vicenda riguarda Toninelli, il titolare del Ministero dei trasporti, da cui dipende la guardia costiera.

pubblicità