Napoli, clan Lo Russo impartiva ordini dal carcere

07 feb 2020

I capi del clan Lo Russo impartivano ordini dalle carceri attraverso i telefonini. Da Poggioreale, Terni, Lecce. Sono 35 i destinatari di misure cautelari che si definivano il gruppo di "abbasc Miano", cioè quelli di Miano bassa, il quartiere della periferia nord di Napoli che storicamente è il covo dei Lo Russo, ai quali il gruppo era legato organicamente. Passava dalle attività più tradizionali, per così dire, come il traffico di droga, le estorsioni e l'usura, alle frodi fiscali, reato che testimonia quanto fosse alta la capacità di penetrare nel tessuto economico e sociale del territorio. Una camorra spregiudicata e violenta. Basti pensare che uno dei destinatari delle misure non è stato poi arrestato perché è stato ucciso prima. L'inchiesta della Procura di Napoli con Carabinieri e DIA ha stanato il gruppo attraverso una complessa attività fatta di intercettazioni, collaboratori di giustizia, sequestro di numerosi pizzini, con minacce estorsive ad hoc a seconda delle vittime. In questa enorme mole di minacce solo in due casi ci sono state denunce.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.