Novellara, dopo oltre un mese nessuna traccia di Saman

12 giu 2021

Occhi sul telefonino come ogni diciottenne. Non fa eccezione Saman ripresa in questi fotogrammi di una videocamera di sicurezza installata poche decine di metri da casa sua. É il 29 aprile, il giorno prima della sua scomparsa, con lei a piedi c'è il fratello. Proprio lui ora è in una struttura protetta, tra alcuni giorni sarà sentito dai magistrati in incidente probatorio per cristallizzare la prova. É considerato il testimone chiave, conversazioni tra genitori e zio, il ragazzo racconta quello che ha sentito: è stato lo zio a uccidere la sorella con l'aiuto dei due cugini. I tre in questo video, secondo chi indaga, vanno a preparare la buca, uno di loro ha in mano una pala è Ikram Ijaz il cugino fermato in Francia e poi estradato, da mercoledì è in isolamento nel carcere di Reggio Emilia si è detto estraneo alla scomparsa di Saman nell'interrogatorio di garanzia, ma vuole dare il suo contributo alle indagini fanno sapere i difensori, presto sarà sentito dagli inquirenti. Intanto le ricerche nelle serre intorno alla casa di Novellara non hanno dato l'esito sperato, si è scavato nei punti in cui l'elettromagnetometro ha indicato anomalie nel terreno, falsi allarmi. Nessuna traccia anche dopo le ispezioni nei pozzi.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast