Nuovi micro focolai in Veneto, situazione sotto controllo

07 lug 2020

La guardia resta alta, ma in Veneto la situazione è sotto controllo, assicura il governatore Luca Zaia. Dal primo luglio, i nuovi casi registrati sono solo poche decine, microfocolai, per la maggior parte composti da cittadini stranieri, da poco rientrati dai paesi d'origine. Importare nuovi casi dall'estero è un rischio che la Regione Veneto intende ridurre al minimo, attraverso la nuova ordinanza firmata lunedì 6 luglio. Una stretta sull'isolamento domiciliare di due settimane, diventato obbligatorio per tutti i cittadini italiani e stranieri di rientro da Paesi non compresi nella lista dei 36 Stati considerati sicuri dalla Regione. I lavoratori rientrati in Veneto, dopo una trasferta di almeno 5 giorni in un Paese a rischio, dovranno sottoporsi a due tamponi, il primo al momento del rientro e il secondo una settimana dopo. L'ordinanza prevede, inoltre, sanzioni pesanti per chi non rispetterà le regole, in particolare per i positivi che rifiuteranno di farsi curare e i positivi che non rispetteranno l'obbligo di isolamento. Novità anche per la prossima edizione della Mostra del Cinema di Venezia in programma dal 2 al 12 settembre. Per consentire l'applicazione delle misure di sicurezza previste dai protocolli sanitari, prima fra tutte il distanziamento fisico, il numero complessivo dei film della selezione ufficiale sarà ridotto.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.