Nuovo codice della strada, come cambia il traffico urbano

07 set 2020

Chiamatela, se volete, “slow mobility” oppure “strade aperte”. Sta di fatto che questa più che una miniriforma è una mini rivoluzione. Per capirci, le auto cessano di spadroneggiare sulle strade cittadine, costrette a rallentare in favore di altri nuovi o vecchi mezzi di circolazione ormai pari grado. Il pacchetto di modifiche al codice della strada, ancora in attesa di ratifica definitiva, viene incontro alle nuove esigenze di spazio e mobilità nelle nostre città. Galeotto fu il Covid, certo, ma galeotto è semplicemente il mondo che cambia. Tanto per cominciare vedremo loro, gli autovelox fissi, non più solo fuori città, ma anche sulle strade urbane e di quartiere. Basterà che arrivi l'ok del Perfetto e il controllo remoto della velocità sarà ovunque, ciclabili incluse. Se il solo pensiero vi evoca una pioggia di multe sappiate che non finisce qui. Una sosta selvaggia potrà essere sanzionata anche da netturbini o gestori ufficiali di parcheggi, basterà una semplice foto. Ma dicevamo dei nuovi attori delle strade. È finita per sempre l'epoca della bicicletta che intralcia le automobili. Nel nuovo codice debutta la strada urbana ciclabile, con banchine pavimentate, marciapiedi e limite a 30 all’ora. Non solo. Le corsie ciclabili seguono anche il percorso dei pullman e in caso di bike line doppia è consentita anche la circolazione contromano. Attenzione però, qui le quattro ruote dovranno cedere la cosa più preziosa, la precedenza.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.