Nuovo decreto, cosa cambia per i non vaccinati

30 dic 2021

Le date sono due, la prima segna una svolta per chi è vaccinato e corrisponde alla pubblicazione del Decreto in Gazzetta. Da quel momento cambieranno le regole per la quarantena dopo un contatto con un positivo, che non sarà di fatto prevista per chi ha avuto una dose o è guarito da 4 mesi, ridotta se di mesi se sono passati sei, niente cambia per chi non è vaccinato. La seconda è il 10 gennaio, da quel giorno cambierà drasticamente la vita di chi ha deciso di non vaccinarsi. Cosa potranno fare? Potranno andare a lavorare con tampone negativo, a fare la spesa o nei negozi senza bisogno di Green Pass, così come potranno andare dal parrucchiere o dall'estetista senza dovere esibire alcun certificato. Per raggiungere questi luoghi non potranno usare alcun mezzo di trasporto pubblico. Niente tram e metro, non potranno viaggiare in treno, aereo o nave. Non potranno entrare in alberghi e strutture ricettive. Niente più bar e ristoranti all'aperto seduti al tavolo, non potranno accedere ad alcuna struttura sportiva neanche all'aperto, non potranno giocare a tennis o fare un allenamento di calcetto, così come non potranno usare gli impianti di risalita per sciare o entrare in un parco termale di alcun tipo. Ma se i no-vax non potranno accedere in questi luoghi, lo potrà fare invece chi ci lavora con Green Pass base, dunque con tampone anche rapido valido per 48 ore. Questi i fatti, poi ci sono i dubbi. Le regole sulla quarantena varranno anche per i bambini di tutte le età? La risposta del Ministero è affermativa, vaccinati o guariti entro quattro mesi non faranno quarantena ma autosorveglianza con tampone solo alla comparsa di sintomi. Per loro invece, lo stato vaccinale o di guarigione non influenzerà la vita sociale e lo sport. Nessun Green Pass verrà chiesto sotto i 12 anni.

pubblicità
pubblicità
SCOPRI VOICE
SCOPRI VOICESCOPRI VOICE
Attualità, inclusion, sostenibilità, diritti. Raccontiamo il cambiamento, un video alla volta. Scopri Voice, il nuovo progetto editoriale di Sky Tg24
GUARDA ORA