Omicidio Roma, al vaglio i tabulati telefonici

29 ott 2019

Tabulati telefonici al microscopio. Anche su questo stanno lavorando investigatori e inquirenti che indagano sulla morte di Luca Sacchi. Vogliono capire se tra Luca, Anastasia e i due indagati per l’omicidio ci siano stati rapporti precedenti a quella sera e anche chi abbia gestito la trattativa per l'acquisto della droga. Il legale di Del Grosso a questa domanda evita di rispondere. Si erano già magari sentiti. Non rispondo a questa domanda. Gli inquirenti ne sono certi. All'origine c'è proprio una compravendita di stupefacenti, marjuana o forse cocaina, In questo senso assume sempre più rilievo la figura di quello, che nell'ordinanza di convalida dell'arresto di Del Grosso e Pirino, viene definito amico intimo di Luca, un uomo che era con la coppia al pub, quella sera e che ha precedenti proprio legati agli stupefacenti, Ma fondamentale è anche la testimonianza di Anastasia. C'è bisogno che dica tutto quello che non ha ancora detto, c'è bisogno che racconti dei soldi che qualcuno dice di aver visto nel suo zaino. Lei però continua a negare. Lo zaino è stato ritrovato, i soldi no. Il Pubblico Ministero la ascolterà perché possa spiegare e riempire i buchi di quella serata, probabilmente, però, non prima di aver sentito di nuovo tutti i testimoni. L'autopsia, intanto ha già evidenziato lesioni alle braccia e alle gambe della vittima, procurate da un oggetto contundente, compatibile con la mazza da baseball. Insomma, qualcosa è accaduto prima dello sparo. Resta da capire esattamente cosa e soprattutto perché.

pubblicità
pubblicità