Omotransfobia, Agedo: abbiamo paura per i nostri figli

Negli ultimi anni c'è un'omofobia dilagante, è peggiorata molto la situazione quindi la paura c'è e come genitori temiamo moltissimo che lui possa fare incontri ma anche semplicemente che possa essere dileggiato, che possa essere preso di mira, che possa essere discriminato, per non parlare poi di paure concrete verso violenze vere e proprie, certo vivere così non è non è bello per noi genitori. "E' una paura questa condivisa anche da chi poi fa parte di questa associazione, come pensate di poter contribuire di fatto poi a questo dibattito?" "Tutti i genitori che sentiamo, che vengono ai nostri incontri che facciamo anche mensilmente di auto mutuo aiuto in cui ci si trova per condividere emozioni, sensazioni, questa paura è condivisa proprio da tutti, sia da quelli che hanno avuto più difficoltà ad accettare il coming out sia da quelli che invece l'hanno accolto con serenità però questa paura c'è, cosa possiamo fare? In realtà poco niente, è per questo che vogliamo a gran voce che ci sia una legge che protegga i nostri figli, questa è la cosa che desideriamo più di tutti perché in realtà i genitori, come lei ben sa, possono dare dei consigli, state attenti, non esponetevi troppo e quando siete in giro magari, mio figlio ha un compagno, a volte gli dico non prendetevi per mano quando andate fuori, lui si ribella a questo, lui mi dice, ma no mamma ma perché io non posso prendere per mano il ragazzo che amo e che presto sposerò, si unirà civilmente presto, quindi perché non posso farlo, perché gli altri lo possono fare e io no, è discriminante questo, ha ragione, deve essere una realtà, una società in cui loro possono essere loro stessi ma perché mai non possono esserlo.".

pubblicità
pubblicità